CORONAVIRUS: LE MISURE D’EMERGENZA PREVISTE DAL DECRETO LEGGE N. 6/2020

La categoria

23/02/2020

CORONAVIRUS: LE MISURE D’EMERGENZA PREVISTE DAL DECRETO LEGGE N. 6/2020

Il Decreto Legge n. 6/2020 prevede:

  • Divieto di allontanamento e di ingresso nelle aree ‘focolaio’ del virus, che saranno presidiate dalle forze di polizia e, in caso di necessità, anche dai militari, con sanzioni penali per chi viola le prescrizioni.
  • Stop alle gite scolastiche in Italia e all’estero, sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche – a partire da tutte quelle previste per domani in Lombardia e Veneto, compresa la serie A.
  • Quarantena con “sorveglianza attiva” per tutti coloro che sono stati in contatto con casi confermati del virus.
  • E ancora, chiusura di scuole, negozi e musei, stop a concorsi, attività lavorative private e degli uffici pubblici, fatti salvi i servizi essenziali, limitazione per la circolazione di merci e persone. Le misure riguardano al momento i dieci comuni del lodigiano individuati già ieri, dove vivono oltre 50mila persone (Casalpusterlengo, Codogno, Castiglione d’Adda, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e Sanfiorano), e l’area di Vo’ Euganeo, in provincia di Padova.

Quelle idicate saranno, a tutti gli effetti, zone rosse: non si entra e non si esce. Non solo: all’interno delle zone focolaio “l’accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l’acquisto di beni di prima necessità – dice il decreto – è condizionato all’utilizzo di dispositivi di protezione individuale”. E a tutti coloro che hanno avuto “contatti stretti con casi confermati” dovrà essere applicata la “misura della quarantena con sorveglianza attiva”.

 

Il Decreto prevede, altresì, che siano le forze di polizia a garantire “l’esecuzione delle misure” e, “ove occorra”, si potrà ricorrere anche all’utilizzo dei militari. “Il mancato rispetto delle misure di contenimento è punito ai sensi dell’articolo 650 del codice penale”, che prevede una multa e l’arresto fino a 3 mesi.

 

Fonte Nexquotidiano.it

indietro

torna all'inizio del contenuto