"L'ANTIDISCRIMINAZIONE È DI MODA" ANCHE A CASSANO ALL’IONIO

La categoria

20/08/2020

"L'ANTIDISCRIMINAZIONE È DI MODA" ANCHE A CASSANO ALL’IONIO

Nato dalla collaborazione tra il Comune di Cassano All'Ionio, l'Associazione Cidis Onlus e C.S.C. (Credito Senza Confini), l’evento “L’antidiscriminazione è di moda”, svoltosi nel rispetto delle misure di prevenzione e controllo anti COVID-19 previste dalla normativa vigente, ha acceso le luci sull’omonimo progetto dell’UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali), finanziato con fondi pubblici nazionali, finalizzato alla promozione della cultura del rispetto e dei valori sociali positivi attraverso azioni che mirano a contrastare ogni forma di discriminazione includendo cittadini italiani e stranieri, con particolare attenzione proprio a quanti subiscono atti vili di discriminazione proprio nel territorio della Sibaritide.
A portare i saluti istituzionali del Sindaco Papasso e dell’intera Amministrazione Comunale, è stata l’Assessore alle Politiche Sociali, Elisa Fasanella. Hanno partecipato all’evento: il Presidente della Cidis Onlus, Maria Teresa Terreri; lo scrittore nonché attivista dei diritti umani, Maurizio Alfano; il Direttore Ufficio Migrantes della Diocesi di Cassano All’Ionio, Leonardo Cirigliano.
L’evento ha visto la proiezione del documentario "Sangue Verde" di Andrea Segre e si è concluso con la sfilata di moda della bottega sartoriale sociale di Cassano All’Ionio di Lamin e Teresa. La Bottega di Lamin e Teresa, nota anche per la produzione di mascherine anti COVID-19 che sono state distribuite alla comunità gratuitamente, ha presentato la sua colorata collezione di abbigliamento. In passerella hanno sfilato cittadini italiani e stranieri, mamme e papà, bambini, beneficiari dei progetti SIPROIMI gestiti da Cidis Onlus in Calabria e persone diversamente abili.
Come si legge nella pagina dell'Associazione Cidis Onlus che l’intento della sfilata è di “ valorizzare le persone celebrando le diversità e mettendo in scena il potenziale espressivo e le abilità dei partecipanti […] Attraverso gli abiti realizzati a mano con l’utilizzo di stoffe italiane e tradizionali africane (wax) con la sfilata si intende proporre una moda che unisca storie di persone che provengono da paesi diversi per dare vita a uno stile unico e carico di contenuti, con l’intento di veicolare un messaggio visibile e concreto di pari opportunità”.
“Anche Cassano, con molto orgoglio e tanta convinzione - ha sottolineato l'Assessore Fasanella – sostiene il progetto della rete nazionale Antidiscriminazione dell'UNAR. L’iniziativa di oggi ha solo sancito una collaborazione fattiva e permanente per rilevare, combattere e prevenire ogni forma di discriminazione nel nostro Comune”.
“L’Amministrazione guidata dal Sindaco Papasso che qui rappresento – ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali di Cassano – anche con queste iniziative intende creare i presupposti per intervenire in maniera sinergica e sistematica sui casi di discriminazione che, purtroppo, si registrano anche nella Sibaritide”.
“Le istituzioni – continua Elisa Fasanella - hanno il dovere di prevenire comportamenti xenofobi e discriminatori, di educare al rispetto delle diversità e all’uguaglianza dei diritti. L’accordo con l'Associazione Cidis Onlus e C.S.C. Credito Senza Confini va in questa direzione".
"L’Amministrazione cassanese - conclude l'Assessore - si rende così protagonista di un cambiamento culturale che pone anche le comunità migranti e i loro diritti inalienabili al centro dell’interesse delle politiche sociali, ai fini di una integrazione effettiva, solidale e responsabile”.

Comunicazione istituzionale
Comune di Cassano All’Ionio

indietro

torna all'inizio del contenuto