RISCHIO INCENDI BOSCHIVI, IL SINDACO PAPASSO EMETTE L’ORDINANZA DI PREVENZIONE

La categoria

09/06/2020

RISCHIO INCENDI BOSCHIVI, IL SINDACO PAPASSO EMETTE L’ORDINANZA DI PREVENZIONE

Con l’estate ormai alle porte, attraverso l’ordinanza sindacale n. 357 del 9 giugno 2020, al fine di prevenire gli incendi boschivi su tutto il territorio comunale, il Sindaco di Cassano All’Ionio, Giovanni Papasso, invita i proprietari e conduttori e/o gestori, a qualsiasi titolo di fondi rustici, terreni e aree di qualsiasi natura, incolti, a riposo e/o abbandonati insistenti sul territorio comunale, a eseguire le necessarie opere di difesa passiva di prevenzione antincendio, mediante pulizia dei suddetti siti. 

In pratica si ordina aigli interessati di provvedere alla rimozione di erba secca, sterpaglie, residui di vegetazione, nonché alla eliminazione di rovi secchi, necromassa, e di ogni altro materiale infiammabile, creando fasce di protezione al fine di evitare che eventuali incendi si propaghino alle aree confinanti.

Nei terreni boscati, pascolivi o cespugliati, nonché nei terreni circostanti la discarica comunale in Località "La Silva" del Comune di Cassano All'Ionio, a partire da una distanza inferiore a 100 metri da essi, è tassativamente vietato accendere fuochi di ogni genere, far brillare mine o usare esplosivi, usare apparecchi a fiamma o elettrici per tagliare metalli, usare motori (fatta eccezione per quelli impiegati per eseguire i lavori forestali autorizzati), fornelli o inceneritori che producano faville o brace, tenere in esercizio fornaci, forni a legna, discariche pubbliche e private incontrollate, fumare, gettare fiammiferi, sigari o sigarette accese.

Oltre a questo, è tassativamente vietato compiere ogni altra operazione che possa creare comunque pericolo immediato o mediato di incendio, come esercitare attività pirotecnica, accendere fuochi d’artificio, lanciare razzi di qualsiasi tipo e/o mongolfiere di carta, meglio note come lanterne volanti dotate di fiamme libere, nonché altri articoli pirotecnici, transitare e/o sostare con autoveicoli su viabilità non asfaltata all’interno di aree boscate, transitare con mezzi motorizzati fuori dalle strade statali, provinciali, comunali, private e vicinali, gravate dai servizi di pubblico passaggio, fatta eccezione per i mezzi di servizio e per le attività agro-silvo-pastorali nel rispetto delle norme e dei regolamenti vigenti e abbandonare rifiuti nei boschi e in discariche abusive.

Per quanto riguarda i proprietari, i gestori e i conduttori di campeggi, villaggi turistici, centri residenziali, alberghi e strutture ricettive, nonché di strutture antropiche insistenti su aree rurali esposte al contatto con possibili fronti di fuoco e classificate all'interno della pianificazione comunale di emergenza a rischio elevato, è previsto che questi realizzino con la massima urgenza una fascia di protezione della larghezza di almeno 15 metri, sgombra di erba secca, arbusti, residui di vegetazione e di ogni altro tipo di materiale facilmente infiammabile, lungo il perimetro del proprio insediamento, compatibilmente agli spazi fisici disponibili, in funzione della proprietà catastale.

Sono fatte salve le distanze di protezione previste dal Decreto del Ministro dell'Interno 28.02.2014 (Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio delle strutture turistico-ricettive in area aperta con capacità ricettiva superiore a 400 persone), ovvero da altra normativa di prevenzione incendi emanata.

Le violazioni ai divieti e alle prescrizioni della Ordinanza sindacale, in conformità sia a quanto previsto dalla Legge Regionale n.51/2017 e sia a quanto previsto dall'articolo 10 della L. 353/2000, sono soggette a sanzione amministrativa e al pagamento di una somma compresa tra 500,00 a 5.000,00 euro (vedi l'ordinanza allegata).

A vigilare sulla stretta osservanza delle norme, saranno le Stazioni CUTFFA dell'Arma dei Carabinieri, gli Organi di Polizia, e tutti gli altri Enti territoriali preposti per legge.
Nell'atto, dichiarato immediatamente esecutivo, il Sindaco Papasso ordina a chiunque avvisti un incendio che "interessa o minaccia l'incolumità pubblica"  di darne comunicazione immediata a una delle seguenti Amministrazioni:

Comando Provinciale Dei Vigili Del Fuoco - Tel. 115;

Comando Unità Forestali Ambientali Agroalimentare Cosenza - Tel. 0984/448341;

Polizia Locale - Tel. 0981/780220;

Comando Tenenza Carabinieri - Tel. 0981/71005;

Compagnia Guardia Dl Finanza Dl Sibari - Tel 0981/750692.

LEGGI L’ORDINANZA SINDACALE N. 357/2020

E.Gitto

indietro

torna all'inizio del contenuto