NO AL CAPORALATO. IL SINDACO PAPASSO PLAUDE ALL’OPERAZIONE “DEMETRA”

La categoria

12/06/2020

NO AL CAPORALATO. IL SINDACO PAPASSO PLAUDE ALL’OPERAZIONE “DEMETRA”

Coordinata dalla Magistratura inquirente castrovillarese e condotta anche dalla Guardia di Finanza di Sibari, l’operazione Demetra è finalizzata a combattere e debellare il triste fenomeno del caporalato soprattutto nella Sibaritide.

Il Primo Cittadino, è da tempo impegnato con iniziative messe in campo che hanno visto protagoniste insieme all’ente locale, anche la chiesa, il mondo sindacale, le forze dell’ordine e l’associazionismo, per fare fronte comune contro il fenomeno ai fini della tutela e regolarizzazione della forza lavoro che interessa in modo particolare persone extracomunitarie, spesso prive di “identità”.

“L’operazione 'Demetra' -  ha sottolineato il Sindaco Papasso - rappresenta l’ennesima conferma della presenza dello sfruttamento di questi lavoratori, a opera soprattutto della criminalità che continua ad applicare le sue ‘regole’, incurante dell’osservanza delle norme in materia”.

Dopo avere ricordato che di recente con un a propria missiva aveva informato il Prefetto Guercio in merito alla presenza del fenomeno del caporalato sul territorio di Cassano, con particolare riferimento a uno dei tanti episodi venuti alla luce, che ha visto protagonisti alcuni giovani di origine africana che hanno elevato la loro protesta contro i caporali per rivendicare il loro giusto salario, il Sindaco Papasso, si è complimentato con il Comandante del Gruppo della Guardia di Finanza di Sibari, Tenente Colonnello Valerio Bovenga,  sia per aver concorso a due importanti operazioni.

La prima è quella che nei giorni scorsi ha portato, tra Calabria e Basilicata, all’arresto di sessanta persone ree di associazione per delinquere finalizzata all’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro ed al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al sequestro di 14 aziende agricole.

La seconda operazione è quella che ha consentito, recentemente, di riportare  alla luce nella Frazione Lauropoli di Cassano,  il dramma che vivevano alcuni gruppi di cittadini extracomunitari trovati “parcheggiati” numerosi e a caro prezzo  in abitazioni spesso fatiscenti. 

Il Sindaco Papasso ha, infine ribadito la collaborazione dell’Ente locale cassanese con le altre istituzioni civili, militari e religiose, contro la spregevole pratica del caporalato, per salvaguardare i diritti e la dignità delle persone, che soggetti privi di qualsivoglia sensibilità e senso della legalità calpestano quotidianamente. 

M.P.

indietro

torna all'inizio del contenuto