LA GIUNTA PAPASSO CONTRO EVENTUALI DIFFAMATORI DA MANDATO A UN LEGALE A TUTELA DELL'IMMAGINE DELL'ENTE E DELLA SUA CORRETTEZZA AMMINISTRATIVA

La categoria

15/04/2021

LA GIUNTA PAPASSO CONTRO EVENTUALI DIFFAMATORI DA MANDATO A UN LEGALE A TUTELA DELL'IMMAGINE DELL'ENTE E DELLA SUA CORRETTEZZA AMMINISTRATIVA

Al fine di tutelare l’immagine dell’ente e dei suoi amministratori, la giunta comunale della Città di Cassano All’Ionio, riunitasi sotto la presidenza del sindaco Gianni Papasso, assistita dal segretario generale Ciriaco Di Talia, ha deliberato di dare mandato all’Avvocato Roberto Laghi del foro di Castrovillari per l’assistenza in sede legale, con il mandato di valutare se sussistono i presupposti per presentare querela a tutela dell’ente locale jonico. La decisione è scaturita dalle recenti esternazioni di taluni, rivelatesi virali sui social, che l’esecutivo ritiene diffamanti, volte a offenderne e screditarne la reputazione e l’onorabilità. Soprattutto gli effetti risonanti e diffusi di tali azioni, che sono state provocate da notizie su fatti e circostanze, afferenti alle modalità di affidamento di alcuni servizi pubblici, propagate in maniera quantomeno distorta e che, inevitabilmente ed impropriamente, si riverberano sull'Istituzione, hanno determinato tale scelta. Nell’atto licenziato dall’esecutivo, si richiama, in particolare, l’art. 595 c.p. secondo il quale compie reato di diffamazione chiunque offenda l’altrui reputazione mediante comunicazione a più persone. Altra considerazione espressa nel corpo del deliberato, è che riguardo alla possibilità per le persone giuridiche di proporre querela contro il reato di diffamazione, nel caso in cui accanto all’aggressione della persona fisica specificamente individuata si raffiguri anche quella dell’ente cui quella persona appartiene, si  riportano le riflessioni della giurisprudenza, secondo cui la capacità di essere soggetti passivi del reato di diffamazione non può essere esclusa nei confronti delle entità giuridiche, associazioni, enti di fatto privi di personalità giuridica, quali partiti, fondazioni, comunità religiose, corpi amministrativi o giudiziari. Nella fattispecie, si prende atto che l’individuazione del destinatario dell’offesa in una determinata persona fisica, specificamente aggredita nell’onore e nella reputazione con riferimento alle funzioni svolte in un ente collettivo, non preclude la configurabilità del reato per una concorrente aggressione all’onore sociale dell’ente al quale quella persona appartiene. Visto, pertanto, che i messaggi in questione hanno avuto un evidente carattere diffusivo nel senso che incidono direttamente sulla considerazione di cui l’ente gode nella collettività travalicando l’esimente del diritto di critica, ai sensi dell’art. 51 c.p., in quanto come riconosciuto dalla giurisprudenza consolidato lo stesso non può trasformarsi in gratuiti attacchi personali, la giunta comunale, in assenza di un ufficio legale in seno all’ente,  ha deciso di trasmettere gli atti ad un avvocato per valutare se sussistono i presupposti per presentare querela a tutela dell’ente, individuando come legale di fiducia, l’Avvocato Roberto Laghi del Foro di Castrovillari. La deliberazione, dichiarata immediatamente esecutiva, è stata trasmessa al Responsabile degli affari generali per dare attuazione.

indietro

torna all'inizio del contenuto